Le storie di MUVI
     
 

Altre storie

Il Giorno della mamma

<<Non ricordo con esattezza l'anno, doveva essere il 1959, ero in terza elementare alla scuola di via Pisacane (zona Vittoria). Eravamo in classe, in un giorno normalissimo di inizio primavera, quando viene fatto un annuncio (avevamo l'interfono): tutte le classi dovevano recarsi immediatamente in palestra perché il preside doveva parlarci del "giorno della mamma".
Il maestro Loretz ha una faccia stupita, ma si adegua, ci fa mettere in fila e ci porta nella palestra. Il locale era grande, al secondo piano di un edificio abbastanza vecchio, ma con tutte le classi radunate era stracolmo di bambini curiosi e di insegnanti stupiti.
Su un palco improvvisato il preside Latronico, con un megafono impone il silenzio. E' senza giacca, con il colletto sbottonato e le maniche arrotolate, suda abbondantemente. Attacca un discorso sulla figura materna, ma si interrompe di frequente, continua a asciugarsi il sudore con un fazzoletto, ogni tanto grida per imporre il silenzio.
Nel discorso sulla mamma iniziano ad infiltrarsi frasi strane, citazioni sulla guerra d'Africa, ricordi personali del deserto, del caldo africano.
I maestri si guardano, imbarazzati, ma non si muovono. I bambini iniziano ad essere spaventati. Il preside continua, sempre più frammentario, sempre più assurdo e sudato.
Il tempo passa ed è arrivata l'ora dell'uscita, quando suona la campanella i bambini iniziano ad agitarsi, i maestri sono sempre più imbarazzati, ma sempre immobili. Solo un bidello osa interrompere le farneticazioni del preside, dice che i genitori sono sul portone della scuola che aspettano l'uscita dei figli. Il preside, con la camicia quasi completamente sbottonata urla nel megafono di non interrompere e anche il bidello si ritira.
Passa ancora un eternità, tutti sono in silenzio assoluto tranne il preside che continua a farneticare, anche i maestri iniziano ad essere spaventati: l'edificio è vecchio, provato dai bombardamenti della 45, qualche cornicione è già caduto, qualche soffitto ha già iniziato a perdere calcinacci. Il pavimento della palestra per quanto tempo può sopportare il peso di tutte le classi della scuola insieme? Dal corridoio che porta alla palestra si sentono dei rumori, delle voci e finalmente, spintonando il povero bidello, sulla porta si affacciano i genitori, furenti, che assalgono i maestri e il preside.
Finisce l'incantesimo, i maestri fanno marciare le classi fuori dalla palestra verso l'uscita, il preside si accascia e rimane imbambolato con il megafono ancora acceso appeso al collo.
Sul Corriere, il giorno dopo, un trafiletto comunicava che il dr. Latronico, reduce, ex ufficiale delle truppe italiane in Africa, si era ritirato, per motivi di salute, dall'incarico di preside della scuola elementare di via Pisacane ed era stato ricoverato in un ospedale psichiatrico.
Nell'inverno di quell'anno la maestra Maserati, all'uscita dalla scuola, aveva tenuto a marciare sul posto per punizione tutta la sua classe (una seconda elementare) sotto la pioggia. Però aveva commesso l'errore di farlo davanti ai genitori che aspettavano. E' bastato l'anonimo grido di :"piantala befana fascista!" per fargli perdere la bacchetta magica dell'autorità.
>>

Questa storia è stata raccontata da Giorgio Borgonovi di Milano

(Tutte le immagini di questa pagina sono consultabili, con didascalia e possibilità di ingrandimento all'inetrno del database di Muvi, nella sezione 'Le sale')